Cumulo pensione negato ai professionisti

Interrogazione al Governo sul ritardo nell’attuazione del cumulo contributi per i professionisti previsto dalla Legge di Stabilità: la norma, l’interpretazione, i problemi.

Governo chiamato a rispondere a un’interrogazione parlamentare sul ritardo relativo al cumulo gratuito dei contributi dei professionisti iscritti agli ordini. L’interrogazione è presentata dalla Lega Nord e chiede all’Esecutivo di conoscere i motivi per cui ancora non ci sono i provvedimenti attuativi per le casse di previdenza private. L’estensione del cumulo dei contributi ai professionisti è infatti prevista dalla Legge di Stabilità 2017, che ha anche attivato la possibilità di utilizzare lo strumento per raggiungere la pensione anticipata. Si è anche formato un Comitato Cumulo e Casse professionali, di cittadini che chiedono l’attuazione della norma.

Cumulo contributi

Il cumulo gratuito dei contributi già previsto dalla legge 239/2012, è stato ampliato nel modo sopra indicato dalla manovra 2017 (comma 195, legge 232/2016). I dettagli applicativi per gli iscritti INPS sono contenuti nella circolare 60/2017 dell’istituto di previdenza. Il punto, dunque, è che mentre ci sono già i provvedimenti attuativi e i documenti di prassi per gli iscritti alle gestioni INPS - che quindi possono utilizzare il cumulo anche per la pensione anticipata (la normativa precedente, lo ricordiamo, limitava la possibilità al raggiungimento della pensione di vecchiaia) – mancano invece i provvedimenti attuativi per consentire il cumulo anche ai professionisti iscritti alle casse di previdenza.

I perchè dell’impasse

Il problema pare essere sostanziale: se da una parte la legge è già vigore e teoricamente non richiede altri passaggi, nella pratica l’INPS che riceve le domande di cumulo (ne sono pervenute migliaia nel 2017) non è in grado di procedere con l’erogazione della pensione anticipata spettante in quanto non tutte le Casse previdenziali private utilizzano gli stessi metodi statistici per il calcolo pro quota del trattamento. Nè lo Stato ha specificato il suo impegno economico per coprire il mancato gettito per le casse dovuto alla possibilità di prepensionamento oltre che per il raggiungimento della pensione di vecchia (il cumulo consente di sommare contributi versati in periodi non coincidenti e non è previsto per coloro che già percepiscono una pensione.)

In realtà, come emerso a margine del tavolo tecnico fra i rappresentanti delle casse private e il Ministero del Lavoro, lo stesso Governo ha ammesso lo scorso marzo che il cumulo con i contributi versati alle casse professionali deve essere oggetto di apposito decreto attuativo o di una direttiva ministeriale, non essendo sufficiente la generica circolare di prassi dell’INPS.

Casi particolari

Il ritardo dei provvedimenti attuativi per i professionisti, oltre a rinviare la possibilità di andare in pensione utilizzando questo strumento, rappresenta anche un ostacolo per chi intende rinunciare a una precedente domanda di totalizzazione o ricongiunzione. Nel caso di un lavoratore che abbia già fatto richiesta di totalizzazione o ricongiunzione dei contributi, infatti, è possibile rinunciare alla domanda e chiedere invece il cumulo gratuito. Nel caso della totalizzazione, la condizione fondamentale è che non deve essersi ancora concluso il relativo procedimento amministrativo di concessione, per quanto riguarda invece la ricongiunzione, la revoca va esercitata va fatta entro il primo gennaio, e non deve essere terminata la fase di pagamento degli oneri di ricongiunzione.

Ti potrebbe interessare...